Giovedì, 20 giugno 2019

Punto d'Ascolto

MusicStore

BRAND NEW "The Devil and God are raging inside me" (Interscope/Universal)

Brand New - The devil and the god are raging inside meL'anno nuovo di zecca parte con la presentazione di un gruppo che si chiama proprio "Nuovo Di Zecca". Brand New, proprio come una famosissima trasmissione (e ora anche canale satellitare) che fa la felicità dei nottambuli e di chi ha voglia di sentire qualcosa che anche solo subodori di indipendente, un po' fuori dai classici circuiti. I Brand New, pur avendo firmato per una major, vengono da quei mondi un po' nascosti, undergound, tra cantine e club. Sono americani, sono giovani e sono quattro. Due chitarre, basso e batteria. Vengono da Long Island, NY e sono al loro terzo album in sei anni di attività. Uscito a dicembre negli Stati Uniti, "The Devil And God Are Raging Inside Me" è arrivato in Europa la scorsa settimana e noi di LigaChannel non ce lo siamo fatti sfuggire.

Giovedì, 18 gennaio 2007
 

AA.VV. "Rhythms Del Mundo" (Universal)

Rhytm del mundoSiamo a quattro giorni dal Natale e conosciamo bene le incertezze che possono sorgere all'ultimo minuto in tema di regali. Il disco di oggi potrebbe davvero soddisfare più palati. Si tratta di un originale progetto i cui ricavati andranno in beneficenza ad Artist Project Earth che sostiene le aree colpite dai disastri naturali e cambiamenti climatici. Un melting pot di suoni e culture che annovera personaggi come Coldplay, U2, Sting, Franz Ferdinand, Radiohead, Maroon 5 e molti altri suonare e cantare con il Buena Vista Social Club. Curioso, no? Versioni afrocubane di brani come "High & Dry", "I Still Haven't Found What I'm Looking For", "Fragile" e diverse altre.

Giovedì, 21 dicembre 2006
 

AND YOU WILL KNOW US BY TRAIL OF DEAD "So Divided" (Interscope/Universal)

So dividedDi loro conosciamo veramente poco ma è bastato che alle nostre orecchie arrivassero alcuni suoni per capire che qualcosa di buono poteva esserci. Qualcuno di voi probabilmente li ha già sentiti. Si chiamano And You Will Know Us By Trail Of Dead, più familiarmente Trail Of Dead. Vengono dal Texas, sono in 5 e questo "So Divided" è già il loro quarto album. Apprendiamo comunque dalle cose lette in giro, e ne chiediamo ulteriore conferma a voi, che questo disco rappresenta una svolta più mainstream rispetto al passato.

Giovedì, 14 dicembre 2006
 

THE FRATELLIS - "Costello Music" (Island/Universal)

The Fratellis"Anti Franz Ferdinand", "Nuovi Supergrass", "Copia minore dei Libertines". Sono alcune delle definizioni che certa stampa anglosassone ha dato ai Fratellis, gruppo di Glasgow dal curioso nome italiano e pluralizzato all'inglese. Non li accomuna nessun legame di sangue ma Jon, Barry e Mince (età media 25 anni) hanno adottato il nome del gruppo come fosse ugualmente un cognome... Storia vecchia questa e, per il genere che hanno deciso di proporre, pure ambiziosa se si pensa ai finti grandi fratelli Ramones. In realtà il nome "Fratellis" deriva dalla passione di tutti e tre per il film "The Goonies" in cui venivano raccontate le scorribande di questi buffi criminali italo-americani soprannominati Fratellis, appunto. La band, formatasi un anno fa, sta godendo di un momento felicissimo di popolarità probabilmente perchè da un paio di anni a questa parte non sono più soltanto le pop boyband ad arrivare sulle copertine dei giornali per teenagers ma anche certa rinomata stampa (su tutti il New Musicl Express) dedica ampio spazio anche alle rock boyband che una volta impiegavano un po' più tempo a farsi strada tra i più esperti e consolidati colleghi. Con internet alla portata di tutti c'è chi riesce nel marasma del web ad emergere grazie ad un riff azzeccato e a un'immagine altrettanto accattivante. Ai Fratellis è accaduto di più: qualcuno alla Island si è accorto di loro e li ha messi sotto contratto. Il risultato è "Costello Music" che non è, come si potrebbe pensare, un album di cover di Elvis Costello ma un vero e proprio party album, a partire dall'attacco di "Henrietta", prima traccia dell'album e anche primo singolo estratto.

Ma cosa c'entra Costello in tutto questo? C'entra, c'entra: non si tratta di Elvis ma del molto meno noto Tony Costello, tastierista degli Strange Fruit, gruppo vintage creato su misura per una pellicola intitolata "Still Crazy" che, si presuppone, come i "Goonies" piaccia a tutti e tre. E non è un caso infatti che il vintage spicchi già dalla copertina del cd e dal suo libretto che ritrae splendide immagini di pinups anni 50. Il disco è stato registrato a Los Angeles col produttore Tony Hoffer, già collaboratore di Beck, Air e Supergrass che ha sicuramente capito da subito quanta voglia di divertimento doveva uscire dalle 13 tracce che compongono "Costello Music". Per dirla in altre parole, sappiate che in questo album si può avere la sensazione di essere sempre dentro ad un weekend. Spensieratezza e goliardia sono musicalmente ben rappresentate.

Giovedì, 7 dicembre 2006
 

"Light Grenades" INCUBUS (Sony-Bmg)

Incubus - Light GranadesPartiamo dalla copertina. Sarà che mettere un simbolo così forte come una bomba a mano (lo hanno fatto i Green Day per "American Idiot") può ancora scioccare ma in questo caso, all'oggetto pericoloso in odor di esplosione gli Incubus hanno aggiunto qualcosa di ancora più forte: i simboli delle religioni nel mondo e al centro un cuore contentente un occhio, che rappresenta poi il tatuaggio che è sulla schiena di Brandon Boyd, frontman della band. "Light Grenades" è il titolo del sesto lavoro di questa band californiana che pare abbia ancora molto da dire, a partire dal titolo che è, se si vuole interpretare in questo modo, un po' la summa degli umori di questo disco (granate leggere). Rabbia e dolcezza, due sentimenti racchiusi in 14 tracce. La prima, quella che dà il titolo all'album è sicuramente tra le più rabbiose.

Giovedì, 30 novembre 2006
 

U2 - "U2 18 Singles" - Special Edition CD+DVD- (Island/Mercury/Universal)

Us 18 sinlgesScrivere di un greatest hits è po' riduttivo ma quando ha la possibilità di acquistare oltre al supporto audio, anche il dvd di un concerto al quale hai partecipato, un concerto come non te ne capitano tanti nella vita e, guarda caso, il gruppo rock più famoso al mondo ha deciso di inserire 10 perle tratte da quel concerto, in quella città, nel tuo paese, in quello stadio... beh ci si sente troppo coinvolti per non parlarne. "U2 18 Singles" è il best uscito un po' a sorpresa di Bono e compagni.

Giovedì, 23 novembre 2006
 

LEMONHEADS - "Lemonheads" (Vagrant Records/Universal)

The LemonheadsGli anni 90. In un momento come quello attuale dove gli ottanta vengono continuamente ripescati, a volte anche fastidiosamente, c'è qualcuno che già grida (e spera) ad una riedizione dei 90. Sono cicli, indubbiamente e, soprattutto moda e musica sono sempre lì a cercare nuovi spunti facendo tesoro o dissacrando qualcosa che già c'è stato e che ha lasciato in qualche modo un segno. Dal punto di vista musicale si registrano alcuni ritorni. Chi invece ha sempre svolto il proprio lavoro pur rimanendo in un circuito underground continua a proporre cose interessanti.

Giovedì, 16 novembre 2006
 

J.J. CALE & ERIC CLAPTON "The Road To Escondido" (Reprise/Warner)

Cale - ClaptonDue grandi, due autori, due bluesman, due carriere parallele che si sono incrociate e, soprattutto per Eric Clapton, hanno fruttato parecchio in termini di notorietà e di classici da ricordare e restituire alla storia del rock. Uno su tutti: "Cocaine", brano del 1977 inserito in "Slowhand", scritto da J.J. Cale che già sette anni prima aveva firmato sempre per Eric quel gioiello intitolato "After Midnight".

Giovedì, 9 novembre 2006
 

THE WHO "Endless Wire" (Polydor/Universal)

The whoNon è facile presentare il nuovo disco di una band così influente, una delle più importanti della storia del rock. Quando si parla degli Who, vengono in mente canzoni memorabili, riff e composizioni che hanno ispirato molti musicisti di oggi, opere rock, film e colonne sonore, collaborazioni importanti, un brano in particolare ("My Generation"), scritto e cantato balbettando nel 1964, quando ancora la parola punk non era stata coniata, Syd Vicious aveva 7 anni, Johnny Rotten 8 e Joe Strummer 12.

Giovedì, 2 novembre 2006
 

THE VEILS "Nux Vomica" (Rough Trade/Self)

The Veils - Nux VomicaLargo ai giovani. Potremmo utilizzare questa strautilizzata frase fatta per presentare il disco di oggi. Dopo il diciannovenne Paolo Nutini, ecco il ventiduenne Finn Andrews, fondatore dei Veils, gruppo inglese giunto al secondo lavoro della carriera. In realtà si tratta di un secondo esordio perchè Andrews, figlio d'arte (il padre Barry era il tastierista degli XTC), ha completamente rifondato la band dopo il primo album, rendendo praticamente distantissimi entrambe le esperienze, in termini di risultati artistici.

Giovedì, 26 ottobre 2006
 
Condividi contenuti