Domenica, 10 dicembre 2017

Da Luciano - Diario di bordo 9/9/2009

Ciao a tutti.
Vi scrivo da Venezia dove sto vivendo un'esperienza davvero intensa.
Come immaginerete da giurato non vi posso dire pressoché niente.
Però posso almeno dirvi che fra proiezioni a cui assistere (a volte quattro film al giorno), riunioni con la giuria, qualche sessione fotografica, qualche cena "ufficiale" e qualche intervista "necessaria", l'impegno richiesto è davvero tanto.
Nel poco tempo che rimane continuo la riflessione sui film per cercare di assolvere al meglio il mio compito ma anche, e soprattutto, per poter godere ancora di più di questi giorni.
Inoltre c'è un'ottima chimica all'interno della giuria il che impreziosisce il tutto grazie al confronto che ne esce sul cinema in generale.
Insomma se le condizioni reggono anche nei prossimi giorni, il bilancio personale, alla fine, sarà veramente ottimo.
Questa mia full immersion, ovviamente, non mi rende possibile lavorare a nient'altro.
Ma è proprio in previsione di questo che abbiamo cominciato a lavorare con largo anticipo (mesi fa) agli spettacoli in Arena.
E ogni tanto, logicamente, il pensiero mi "scappa" là.

A proposito di quei concerti voglio farvi sapere alcune cose:

I concerti "solo rock'n'roll"

A un certo punto è successo che chi doveva tenere un paio di serate nel week end precedente al nostro arrivo in Arena, ha preferito rinunciare.
Così mi è stato chiesto se mi avrebbe fatto piacere tenere altri due concerti prima di quelli previsti.
C'era però il problema che i musicisti dell'orchestra non sarebbero ancora rientrati dalle loro ferie.
Quindi dovrei fare un paio di concerti con una scaletta diversissima rispetto a quella che avremmo fatto dopo?
Uno spettacolo molto lontano da quello con l'orchestra?
Volete dire montare non uno ma due spettacoli in così poco tempo?
Sì.
Allora accetto.

Chi verrà ai concerti del 19 e 20 si troverà di fronte a uno spettacolo di "sola" musica.
Ho deciso che se è vero che useremo gli schermi per poter fare vedere bene a tutti quello che succede sul palco (e in Arena) è altrettanto vero che non useremo nessun altro contributo visivo.
Andando un po' indietro con la memoria mi sembra che soltanto nel primo tour (più forse in qualche occasione qui e là) non abbiamo usato contributi video.
Già con il tour di "Lambrusco..." usavamo le diapositive.
Soprattutto sarà una cosa molto diversa da come si tengono gli spettacoli in questi anni in generale.
Vi chiederemo di "stare" sulla musica e sull'atmosfera che sa regalare l'Arena.

I concerti con l'orchestra:

Quello che vedrete entrando in Arena, sarà la stessa produzione dello scorso anno. Quel tipo di copertura, a oggi, è il compromesso più saggio che i nostri ingegneri hanno trovato fra il tenere al riparo i 70 elementi dell'orchestra anche in caso di pioggia e il permettere una visibilità discreta anche a quelli molto a lato rispetto al palco.
Per il resto i cambiamenti saranno parecchi.
La scaletta, fra pezzi che l'anno scorso non abbiamo fatto e quelli che abbiamo fatto ma proporremo con un arrangiamento diverso, sarà diversa per quasi due terzi rispetto a Arena 2008.
Diversi i contributi, diversi i momenti di spettacolo che capiteranno.
Più di questo non vi posso dire.
Se non che avremo pochi giorni di prova ma lavoreremo come degli ossessi per arrivare pronti.
Intanto via via, mi arrivano messaggi, e-mail e chiamate dai ragazzi del gruppo che stanno mordendo il freno.
Hanno molta voglia.
Io, ovviamente, lo sapete.
E voi?

A presto.

Luciano

Mercoledì, 9 settembre 2009