Giovedì, 22 febbraio 2018

The last shadow puppets - The Age Of Understatement

The age of the understatementHanno poco più di vent’anni e sono entrambi già famosi (soprattutto uno) poiché leader di due band inglesi: Arctic Monkeys e Rascals. Si sono incontrati spesso nei backstage e hanno fatto amicizia, scoprendo di avere passioni in comune e promettendosi per lungo tempo di lavorare insieme. Alex Turner e Miles Kane hanno realizzato e portato a termine la loro collaborazione ai Black Studios di Nantes (Francia) e tutto è partito dall’ascolto dei vinili dei propri genitori. La puntina ha solcato David Bowie, Style Council, Ennio Morricone, Burt Bacharach e le prime colonne sonore di 007. Una spruzzatina di Calexico per attualizzare il tutto. Via le chitarre dure e incazzate alle quali le rispettive band di appertenneza ci hanno abituato e voilà, ecco a voi "The Age Of Understatement", uno dei dischi più apprezzati di questo 2008.

Inizialmente considerato un progetto di poco conto, questo nuovo album sta via via conquistando critica e pubblico perché è realizzato bene, è diverso da quel brit-pop che ci ha piacevomente o meno invaso ultimamente e soprattutto perché la produzione ha avuto il merito di coinvolgere la London Metropolitan Orchestra e di far alternare le voci di Turner e Kane in maniera divertente e spontanea. Stupisce la maturità di questi due giovanissimi talenti che sarebbe quasi naturale sentirli esagerare e calcare la mano sulle ispirazioni date dai grandi del passato. E invece questo non accade e soltanto in un brano "Calm Like You" degli 12 presenti è possibile avvertire l'impronta Arctic Monkeys. Eccezione concessa e comprensibile. Un consiglio: ficcatelo nella vostra playlist e non vi deluderà.

Martedì, 3 giugno 2008