Giovedì, 18 luglio 2019

21/11 Napoli: il racconto di Marilyn80

NapoliRacconta il tuo concerto di Luciano a teatro, inviando un email a: teatri@ligachannel.com

Ti svegli una mattina di un giorno qualsiasi, o che avrebbe dovuto essere un giorno qualsiasi..

Una persona speciale, un messaggio, un regalo, un biglietto..Luciano...(e capisci per l'ennesima volta che, da Ligachannel e dall'amore che c'è dentro, una volta che ci sei(dentro)non puoi piu'sfuggire).

Prendi un treno per un viaggio di 5 ore, classe seconda, come sempre ,ma stavolta col cuore viaggi in prima.

Un viaggio in cui non sai a cosa pensare veramente, c'è troppo a cui pensare e allora un paio di auricolari e una voce a farti compagnia in questa andata, una voce che sai stasera sarà lì anche per te.

Una fermata, la dove fermano i treni e parte un po'di vita, da dove ti aspetti e sai che ci sarà vita e uno sguardo ad accoglierti.

Una città, Napoli, non la tua città..ma che stasera ti accoglie e senti un po' tua perchè scendi dal treno e senti che tutto ti appartiene, riesci persino a sentire la presenza di Luciano nella stessa aria che respiri.

Una città che ti accoglie con l'interruzione della pioggia, che si fermerà anche lei per quelle due ore e mezzo, per poi riprendere incessante quando tutto sarà finito...anche da lassù si sono fermati ad ascoltare.

Arrivi davanti un teatro che non hai mai visto..si,un teatro..ma che in meno di un'ora smette di essere tale e si veste da stadio..un'eccezione di una sera, perchè stavolta non ce la fa a rimanere fermo ad ascoltare, c'è troppa vita dentro che aspetta solo di essere vissuta..

Delle luci spente e una voce..quella di sempre..la voce dei tuoi ultimi 15 anni..quella che sarà sempre qui con te.

E un uomo sulla sua seggiola, nella sua camicia, con la sua chitarra..nel suo vestito migliore....lo guardi, lui che ti ricorda che è qui per l'amore, e sa che anche tu lo sei, che tutti lo sono.

Guardi quest'uomo e in un lieve flashback lo ricordi nel suo gilet da ragazzo dimenarsi sul palco sulle note di Balliamo sul mondo, il ragazzo ancora incosciente dei 15 anni che poi ne seguiranno..lo guardi,lo ricordi e lo ritrovi qui, adulto, forse cambiato, forse no,sulla sua seggiola..in un teatro.

I suoi amici di sempre, quelli reali, con i loro strumenti a infondere meraviglia, e quelli meno reali in cui troppo spesso ci siamo specchiati: il mago walter, la piccola stella o key..i nostri amici per la vita.

Una serata calda, accogliente in cui tutti abbiamo messo insieme un cuore ed abbiamo provato a sentire.

I ringraziamenti, quelli di sempre, quelli che sai..non basteranno mai.

Un ultimo sguardo a questa città, che stanotte è stata anche un po' tua..un ultimo abbraccio ad una persona che ti ha accolto nel suo tepore..ed il treno..

Un viaggio di ritorno leggero, nel quale hai la fortuna di guardare il mare, chiudere gli occhi e pensare a tutto..ad un anno di stazioni, biglietti, sguardi, sorrisi a cui hai avuto la fortuna di rispondere, abbracci...tutto questo lo sai, lo porterai sempre con te..

Grazie..

L'amore conta..

Marilyn80

Mercoledì, 22 novembre 2006