Martedì, 4 dicembre 2018

12/11 Ascoli Piceno: il raccondo di ziatatella

Ascoli PicenoRacconta il tuo concerto di Luciano a teatro, inviando un email a: teatri@ligachannel.com

Sono a casa da pochi minuti, l'ho fatta a piedi dal centro a qui...non potevo chiudermi nell'auto dei miei amici dopo una serata così. Ho ancora l'adrenalina in corpo, gli occhi lucidi e sgranati di un bimbo che ha appena fatto il suo primo giro di giostra dopo averlo atteso lungamente...

E' da quel giorno di più di un mese fa che è iniziata l'attesa...quando, dopo aver seguito il Liga per mezza Italia quest'anno, su Ligachannel leggo che verrà quì, nella mia Ascoli, nel mio Teatro.

Ci speravo quando avevo saputo del Tour teatrale, ma non osavo chiedere tanto alla mia buona stella.

Rincorrersi di notizie..la prevendita...no è quel giorno lì..solo a teatro...ma a che ora inizia ?..i biglietti terminano quando ero quasi davanti al botteghino. Poi la seconda data: sveglia alle 4 di mattina...freddo nelle ossa nella città deserta...altre 3 persone in attesa davanti alla biglietteria del teatro...però..dopo qualche ora i biglietti sono mieii!!

E' domenica, poltrisco nel letto e già immagino la serata che mi attende..mi alzo, esco, mangio, parlo, sorrido...ma è come se volteggiassi a qualche centimetro da terra. La testa ed il cuore sono già lì su quella poltroncina di velluto rosso al chiuso del teatro.

Poi arriva il momento, manca mezz'ora e sono già al mio posto: faccio fatica a star seduta, stanno arrivando tutti, mancano solo pochi minuti...le luci si spengono ed è il boato! Inizia il "nostro" Allevi, uno dei tanti buoni frutti delle terre picene...è bravissimo al piano! ...quasi commovente quando indirizza i baci al pubblico che lo applaude con generosità.

L'apoteosi arriva quando le luci illuminano il Liga...Riesco a vedere la sua espressione...ci guarda soddisfatto, apparentemente tranquillo, gli accordi della sua chitarra stemperano la tensione che si scioglie alle note di "Lettera a G.". Poi entrano anche gli altri musicisti, la musica va dritta al cuore, alle membra...E' incredibile come Rigo, Mel, Roby e Josè sono riusciti a scomporre e ricomporre note ed accordi già noti dandogli un sound diverso, più morbido ed avvolgente...e poi Mauro Pagani mi lascia a bocca aperta, quasi incapace di battere persino le mani per non rompere tanta armonia.

Si affollano emozioni diverse nel mio essere: felicità, commozione, immagini di passati concerti e momenti della mia vita che sembrano venuti fuori dai brani che ascolto. Sarà che abbiamo la stessa età io e Luciano, entrambi del '60, ma quello che mi ha avvicinata a lui, è che riesce ad esprimere i miei pensieri con parole che io non saprei trovare, con la chiarezza e la ruvidità che li rendono miei per sempre, con quella tenerezza che spinge alle lacrime e con quella consapevolezza del peso dell'esistenza che hanno quelli della nostra generazione...ma con la certezza che puoi sentirti "leggero"...come ora!!

Liga si scusa quasi per il fatto di "doverci" leggere qualcuna delle sue poesie...ma sono frammenti di riflessione che attraversano l'onda della musica, che ti parlano di sensazioni che hai già vissuto e di emozioni che vivrai...Nessuna scusa Luciano, anzi un GRAZIE infinito dal cuore di tutti noi. So che sei abituato a sentirtelo urlare ai concerti, io voglio sussurrarlo al tuo cuore... grazie.

Dona

"ziatatella" su Ligachannel

Lunedì, 13 novembre 2006